Il Metropolita di Limassol: "Di quale unità stiamo parlando? Quelli che sono partiti dalla Chiesa sono eretici e scismatici"


 Ci sono gravi lacune nelle discussioni teologiche e canoniche della prossima riunione del Sinodo pan-ortodosso, nota metropolita Athanasios di Limassol.

In una lettera, di cui l' Agenzia di Notizie Religiose Romfea.gr ha pubblicato alcuni estratti, l' eminente Gerarca non considera che vi sia alcun problema di ripristinare l' unità dei cristiani, dal momento che questo, a suo avviso, non è mai stata interrotta. Piuttosto, alcuni cristiani hanno scelto un percorso diverso da quello seguiamo, ovvero quello  della verità Ortodossa originale.

Non ci sono chiese o confessioni. Piuttosto, quelli che si sono tagliati fuori dalla Chiesa e devono essere considerati eretici e scismatici, osserva il cardinale, che esprime  inoltre la confusione sul perché una questione così importante sia stata ignorata.

La presa di posizione di Sua Eminenza, che invoca il diritto di ciascun Gerarca di esprimere la sua opinione in vista di un evento così importante, sicuramente provocherà  discussioni e dibattiti all' interno dell' Ortodossia.

"Dal momento che, in accordo con i regolamenti inviati a noi per quanto riguarda l' organizzazione e il funzionamento del Santo e Grande Sinodo della Chiesa ortodossa, in particolare l' articolo 12, paragrafi 2 e 3, indicano che siamo autorizzati ad esprimere  preventivamente le nostre opinioni al Sinodolocale, io, dopo aver esaminato la mia coscienza, con umiltà presento al Santo e Sacro Sinodo della nostra santa Chiesa le mie opinioni e pareri riguardanti le seguenti materie," il reverendo Metroplitan Athanasios sottolinea nella sua lettera.

Nella sua lettera, a cui ha avuto accesso esclusivo Romfea.gr, Sua Eminenza Athanasios parla del testo del 5 °  Conferenza Preconciliare pan-ortodossa tenutasi a Chambesy nel mese di ottobre dal titolo "La decisione - Relazioni della Chiesa ortodossa col resto del mondo cristiano," precisando le ragioni seguenti:

"Sono in totale accordo con i primi tre articoli del testo. Tuttavia, dall' articolo 4 in poi, ho fatto le seguenti osservazioni: "La Chiesa ortodossa ha sempre pregato 'per l'unione di tutti' - Credo che questo significhi il ritorno alla e unione con il suo di tutti coloro che si staccarono e si allontanarono da Lei, di eretici e scismatici, una volta che questi abbiano rinunciato alle loro eresie ed agli scismi e fuggendo  da queste cose con pentimento siano integrati e uniti - uniti - con la Chiesa ortodossa in conformità con gli insegnamenti dei sacri canoni," osserva il cardinale Athanasios .

Sua Eminenza continua: "La Chiesa ortodossa di Cristo non ha mai perso la 'unità della fede e la comunione dello Spirito Santo" e non accetta la teoria della riunione  dell' unità di coloro 'che credono in Cristo,' perché ritiene che l'unità di coloro che credono in Cristo esiste già nell'unità di tutti i suoi figli battezzati, tra di loro e con Cristo, nella sua fede Ortodossa, dove non sono presenti eretici o scismatici, ragion per cui Lei prega per il loro ritorno all' Ortodossia attraverso il  pentimento."

Sua Eminenza completa la sua lettera, di cui Romfea.gr ha rilasciato estratti, così: "Credo che quanto indicato nell' articolo 5 per quanto riguarda 'la perduta unità dei cristiani' non è corretto, perché la Chiesa come popolo di Dio, unito nei suoi membri e con il capo della Chiesa, che è Cristo, non ha mai perso questa unità e quindi non ha bisogno di riscoprirla  o di cercarla , perché è sempre esistita , è, e sarà proprio in quanto la Chiesa di Cristo non ha mai smesso né mia cesserà di esistere."

Sua Eminenza Athanasios aggiunge che, "quello che è successo è che i gruppi, popoli o individui lasciato il corpo della Chiesa e la Chiesa prega, ed è tenuta  a provare attraverso la missione, affinché  tutti ritornino nel pentimento alla Chiesa ortodossa attraverso la via dei  canoni. In altre parole, non esistono altre Chiese, solo eresie e scismi, dovremmo  essere più precisi nelle nostre definizioni."

"L'espressione 'verso il ripristino dell' unità dei cristiani' non è corretto perché l' unità dei cristiani - i membri della Chiesa di Cristo - non si è mai interrotta, fintanto che  questi restano uniti alla Chiesa. La separazione dalla Chiesa e l’ essersi allontanati da questa sono purtroppo accaduti numerose volte a causa di eresie e scismi, ma non c’ è mai stata una perdita di unità interna della Chiesa," Sua Eminenza continua nella sua lettera.

Altrove, Sua Eminenza Athanasios afferma: "Mi chiedo perché il testo contenga più riferimenti a 'Chiese' e 'Confessioni'? In base a quali elementi ci possiamo permette di chiamare queste Chiese e quelle Confessioni? Cos’ è una chiesa, e cos’ è un' eresia, e cos’ è un gruppo scismatico o confessione? Noi confessiamo una sola Chiesa e che tutti gli altri sono scismi ed eresie. Io sostengo che dare il titolo di 'Chiesa' alle comunità eretiche o scismatiche è del tutto errato dal punto di vista teologico, dogmatico e canonico, perché la Chiesa di Cristo è una, come anche indicato all' articolo 1, e non si può fare riferimento ad una comunità eretica o scismatica o un gruppo al di fuori della Chiesa ortodossa come 'Chiesa' ".

"In nessun punto del testo si afferma che l' unica via che conduce all' unione con la Chiesa è solo il ritorno pentito di eretici e scismatici alla Chiesa Una, Santa, Cattolica e Apostolica Chiesa di Cristo, che ai sensi dell' articolo 1 è la nostra Chiesa ortodossa. Il riferimento alla 'comprensione della tradizione della Chiesa antica' dà l' impressione che ci sia una differenza ontologica tra l' antica Chiesa dei Sette Concili Ecumenici e la genuina continuazione dello stessa fino ad oggi, vale a dire la nostra Chiesa ortodossa. Noi crediamo che non c' è assolutamente nessuna differenza tra la Chiesa del 21° secolo e la Chiesa del 1° secolo, perché uno degli attributi della Chiesa è il fatto che anche confessiamo nel Simbolo della fede, vale a dire che essa è apostolica," ha sottolineato il metropolita di Limmasol.

Il Vescovo sottolinea poi che all' articolo 12, si ha l' impressione che gli ortodossi stiano cercando di ristabilire la giusta fede e l' unità, fornendo  un’ impressione inaccettabile.

"L’ articolo 12 afferma che lo scopo comune dei dialoghi teologici é 'il restauro finale dell' unità nella fede corretta e nell’ amore'. Questo dà l' impressione che noi ortodossi stiamo cercando una restaurazione per correggere la fede e l' unità dell’ amore, come se avessimo perso la fede corretta e stiamo cercando di scoprirla attraverso i dialoghi teologici con gli eterodossi. Io sostengo che questa teoria è teologicamente inaccettabile per tutti noi", sottolinea Metropolitan Athanasios.

Altrove, Sua Eminenza esprime obiezioni al testo, sottolineando che "il riferimento del testo 'del Consiglio Mondiale delle Chiese' mi dà la possibilità di fare una denuncia contro gli eventi sincretistici occasionali che hanno avuto luogo in essa, ma anche contro il suo titolo, dal momento che riguarda la Chiesa ortodossa come 'una delle chiese' o un ramo di quella Chiesa che cerca e si sforza per la Sua realizzazione attraverso il Consiglio mondiale delle Chiese. Per noi, invece, la Chiesa di Cristo è una e unica, come confessiamo nel Simbolo della fede, e non molteplice. "

Sua Eminenza afferma inoltre: "Il punto di vista che la conservazione della fede ortodossa vera è garantita solo attraverso il sistema sinodale come la sola e definitiva 'autorità competente su questioni di fede' è un punto di vista esagerato e ignora la verità che molti sinodi di tutta la storia della Chiesa hanno insegnato e sposato dottrine errate e eretiche, ed è stato il popolo dei fedeli, che li ha respinti ed ha conservato la fede ortodossa e sostenuto la confessione ortodossa. Né un sinodo senza il popolo fedele, la Chiesa intera, né le persone senza il Sinodo dei Vescovi, sono in grado di considerare se stessi come Corpo di Cristo e la Chiesa di Cristo ed esprimere in modo corretto l' esperienza e la dottrina della Chiesa."

Rivolgendosi all' Arcivescovo di Cipro ed ai membri del Santo Sinodo, il metropolita di Limassol sottolinea: "L' uso di un linguaggio duro o offensivo non può essere fatto in encicliche ecclesiastiche di questo tipo, né credo che chiunque desideri l' uso di tali forme di espressione. Tuttavia, la verità deve essere espressa con precisione e chiarezza, anche se naturalmente con discernimento pastorale e amore genuino verso tutti. Lo dobbiamo anche ai nostri fratelli che si trovano nell’ eresia o nello scisma, per essere del tutto onesti con loro, e con amore e dolore per pregare e fare tutto il possibile per realizzare il loro ritorno alla Chiesa di Cristo ".

"Umilmente sostengo che i testi di tale importanza e prestigio come quelli del Santo e Grande Sinodo della Chiesa ortodossa devono essere attentamente formulati con precisione canonica  e teologica in modo che queste ambiguità o questi termini teologici non testati possano dar luogo inoltre a espressioni scorrette che potrebbero portare a fraintendimenti e a distorsioni del corretto atteggiamento della Chiesa ortodossa. Inoltre, affinché’ il  Sinodo sia valido e canonico, non deve discostarsi in alcun modo dallo spirito e dall' insegnamento dei Santi Sinodi che ci hanno preceduto, dall' insegnamento dei Santi Padri e dalle  Sacre Scritture, e deve essere libero da qualsiasi ambiguità nella precisa espressione della fede corretta", aggiunge il cardinale Athanasios.

Altrove, invocando i Santi Padri, Sua Eminenza Athanasios ha dichiarato: "Mai i santi Padri né mai nei canoni sacri o delle decisioni dei sinodi ecumenici o locali sacri, i gruppi eretici o scismatici vennero  indicati come chiese. Se gli eretici fossero infatti le chiese, dove si troverebbe l' Unica Chiesa di Cristo e degli Apostoli? "

Il metropolita di Limassol ha espresso anche la sua forte opposizione, sottolineando che coloro che non hanno diritto di voto e di partecipare al Sinodo sono semplicemente elementi  ornamentali.

"Umilmente esprimere il mio disaccordo con il fatto che la pratica di tutti i Sacri Sinodi fino ad oggi di permettere ogni vescovo un voto venga abolita. Non c'è mai stato prima un sistema di 'una sola Chiesa, un voto', che rende i membri del Santo e Grande Sinodo, con l' eccezione dei primati, semplici oggetti decorativi rifiutando loro il diritto di voto ", dice il cardinale Athanasios in la sua lettera.

In chiusura, il Gerarca della Chiesa di Cipro dichiara che: "Io non voglio scontentare nessuno con quello che ho scritto, né voglio essere visto come colui che insegna il giudizio dei miei fratelli e padri in Cristo. Ho semplicemente sentito il bisogno di esprimere ciò che la mia coscienza mi impone di dire".

Per leggere tutta la lettera del Metropolitan, vedere il sito dei Santi Metropolis di Limassol .

Traduzione  dall'inglese di Vasilios Marchese

        



Print-icon 

Login-iconLogin