Un altro Gerarca si appella al Santo Sinodo in merito al Concilio pan-ortodosso

Il Metropolita  Seraphim del Pireo ha inviato una lettera al Santo Sinodo della Chiesa greco-ortodossa riguardante l'imminente Consiglio pan-ortodosso. Le principali proposte del documento sono stati pubblicati sul sito Agionoros.ru .

  Il Vladyka ha deciso che ogni Chiesa locale sia  rappresentata da ventiquattro gerarchi al Concilio "un'innovazione mai visti prima", senza precedenti in duemila anni di storia della Chiesa.

  Egli ha osservato che in ogni concilio ecumenico  hanno partecipato "quanti più vescovi possibile". In pratica Chiese, a volte,  hanno inviato rappresentanti, ma solo nel caso in cui il vescovo non poteva arrivare al Consiglio per un motivo o un altro.

  "In conformità con l'ecclesiologia ortodossa, ogni vescovo, responsabile anche per  la più piccola diocesi, rappresenta il suo gregge ed è membro vivo della Chiesa universale", ha scritto il metropolita nella sua lettera. 

Il non invitare ogni vescovo al Concilio Pan-ortodosso, a suo parere, nega la possibilità alla Chiesa, nella sua interezza,  di esprimere il proprio parere, "cosa che, a quanto pare, gli organizzatori del Consiglio vogliono".

  Il Vladyka ricorda che nelle sessioni dei Concili Ecumenici tenuti sino ad ora sono stati presenti i rappresentanti del basso clero, dei monaci e dei laici.

 "Non sarebbe un'esagerazione per chiamare il Consiglio imminente un Consiglio pan-ortodosso, senza gli ortodossi. E 'ovvio che con la decisione sulla rappresentanza in seno al Consiglio, avviene in contrasto con la tradizione, la probabilità che alcuni vescovi  parlino contro le decisioni del Consiglio, qualora esse rappresentino una revisione della Tradizione, è stato evitato. "

  "Del tutto infondata", metropolita Seraphim definisce "l'affermazione del Patriarca Ecumenico Bartolomeo, con la quale la Chiesa ortodossa può designare il prossimo Concilio soltanto come  'pan-ortodosso,' e non come 'ecumenico', in quanto la 'Chiesa' cattolica romana non vi prenderà parte. L'allontanamento degli eretici dalla Chiesa in alcun modo riduce al minimo il suo carattere universale. "

  Il Metropolita Serafim esprime il suo disaccordo con il principio per cui "un locale Chiesa-un voto". A suo parere, ogni vescovo che prenda parte ai lavori del Concilio dovrebbe avere il diritto al voto.

  Il metropolita del Pireo espone la bozza del documento del Concilio pan-ortodosso, "Relazioni della Chiesa ortodossa con il resto del mondo cristiano", adottato in occasione del Quinto pan-ortodosso di pre-conciliare Meeting di Chambesy, 10-17 ottobre 2015 , per un'analisi dettagliata e critica.

  "In questo testo non si dice nulla di eresie e delusioni, come se non fossero  comparse nella storia della Chiesa dopo l'ottavo secolo." A differenza dei Concili Ecumenici di quel tempo che si  erano occupati dell'analisi e della condanna conciliare di vari errori,  il Concilio Pan-Ortodosso attuale non sta adottando un principio simile, scrive il vescovo nel suo messaggio.

  Il ventiduesimo paragrafo del documento subisce anche la critica di metropolita Serafim:

  La Chiesa ortodossa ritiene che ogni tentativo di dividere l'unità della Chiesa, realizzato da individui e gruppi con la pretesa di conservazione o di protezione della verità dell'Ortodossia, è soggetto a condanna. Come dimostra l'intera vita della Chiesa ortodossa, la  conservazione della vera fede ortodossa è possibile grazie solo alla struttura conciliare, che fin dall'antichità ha rappresentato per la Chiesa il criteri fondamentale nelle questioni di fede.

  A giudizio del vescovo, la disposizione data crea l'impressione che l'imminente Concilio pan-ortodosso cerchi "di predeterminare l'infallibilità delle sue risoluzioni." L'affermazione che "preservare la vera fede ortodossa è possibile grazie solo alla struttura conciliare, che dai tempi antichi ha rappresentato per la Chiesa il criterio di competenza e suprema autorità  in questioni di fede, "non tiene conto del fatto storico che nella Chiesa ortodossa il criterio finale della fede è la dogmatica autocoscienza dei membri della Chiesa. Proprio per questo motivo alcuni concili, intrapresi alo scopo di essere ecumenico, sono stati riconosciuti come i concili truffaldini e illegittimi.

 Il  Metropolita Seraphim esprime il suo disaccordo con la decisione dei primati di invitare al Concilio pan-ortodosso  i Cattolici, i Monofisiti e gli osservatori protestanti:

"Nei 2000 anni di storia della Chiesa non ci sono mai stati 'osservatori' non ortodossi presenti ai Concili ecumenici ne’ a quelli Locali.

"Questa pratica  si e’ imposta solamente nel primo e secondo Concilio Vaticano della chiesa cattolica, ha detto Metropolita Seraphim specificando. "E 'ammissibile per un Concilio Pan ortodosso  prendere a modello le pratiche papali?" Si chiede Vladyka.

 

Il Metropolita Seraphim ricorda che in passato gli eretici sono stati invitati a concili ecumenici non come "osservatori", ma come imputati, per portarli al pentimento. 

Nei casi in cui  hanno continuato a persistere nei loro deliri, sono stati scomunicati dalla Chiesa e cacciati delle sessioni del Concilio. 

A suo parere, la presenza di non ortodossi al Concilio pan-ortodosso "legittima delusioni e l'eresia, e mina in pratica l'autorità del Consiglio."

Tradotto da Jesse Dominick

 Pravoslavie.ru

Traduzione  dall'inglese di Vasilios Marchese     impantokratoros.gr


Our visitors also read the following:


Print-icon 

Login-iconLogin